edizione più recente: Cinelatinotrieste edizione 2017

I Vincitori del Festival

Una partecipata ed emozionante cerimonia ha chiuso la XXXI Edizione del Festival del Cinema Latino Americano di Trieste.

Le Giurie hanno consegnato i Premi e dato lettura, in spagnolo e italiano, dei verdetti finali.

  • versione italiana

pubblicato il: 29 ottobre 2016

pdf I Vincitori della XXXI Edizione del Festival del Cinema Latino Americano di Trieste

Erano presenti e hanno consegnato i Premi il Ministro e Consigliere culturale dell’Ambasciata Argentina in Italia, Irma Rizzuti; il direttore dell’Ufficio Commerciale del Cile in Italia, Augusto Aninat; il neo Console del Cile a Trieste, Alessandro de Pol; la Presidente della Provincia di Trieste, Maria Teresa Bassa Poropat; L’Assessore alal Cultura e Relazioni Internazionali Gianni Torrenti della Regione Friuli Venezia Giulia, l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Trieste, Luisa Lodi e l’onorevole Valdo Spini.

Ha presieduto e condotto la cerimonia Rodrigo Diaz, Direttore del Festival.

Ecco i Premi assegnati:

 

CONCORSO UFFICIALE

Giuria

Presidente Juan Carlos Rulfo, noto regista e sceneggiatore messicano a cui il Festival ha dedicato quest’anno una completa Retrospettiva.

È figlio del celeberrimo scrittore Juan Rulfo, padre del realismo magico insieme a Gabriel Gracía Márquez; Mónica Borda Sáenz (sceneggiatrice, regista e produttrice colombiana); Vittoria Rubini (critica cinematografica); Zlatko Popovic (laureando in Lingue e cinefilo).

 

MIGLIOR FILM

Magallanes (Magellano), di Salvador del Solar (Perù, 2015)

VERDETTO Per la realizzazione, la regia degli attori, la padronanza della tematica e la costruzione della trama che esalta la dignità umana. Linterpretazione della protagonista esprime una posizione dellAmerica Latina che cerca di porre fine alla sua vulnerabilità storica.

IL FILM Un pomeriggio, Magellano vede salire su un taxi Celina, una donna che aveva conosciuto più di vent’anni prima, in circostanze completamente diverse. In quella che finirà per diventare una ricerca personale di redenzione, Magellano farà tutto il possibile per aiutare Celina a superare la difficile situazione che sta attraversando. Per scoprire che lei preferirebbe perdere tutto, piuttosto che farsi aiutare da lui.


PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

Olhar de Nise (Lo sguardo di Nise), di Jorge Oliveira (Brasile, 2015)

VERDETTO Per la professionalità e il rigore giornalistico nella presentazione documentaristica della precorritrice della psichiatria democratica, praticata attraverso lespressione plastica dei pazienti.

IL FILM Trieste città dell'antipsichiatria. Eppure anche Franco Basaglia conosceva l'opera rivoluzionaria della psichiatra brasiliana Nise da Silveira che con grande maestria Jorge Oliveira racconta nel suo docu-fiction. Nise da Silveira ha rivoluzionato la psichiatria in Brasile negli anni Cinquanta. Si è ribellata all’elettroshock e curava i suoi pazienti con l’arte-terapia. Nei laboratori di pittura e modellismo creati da lei emersero artisti di innegabile talento, le cui opere hanno influenzato il mondo dell’arte e hanno dato vita al Museo di Immagini dell’Inconscio. Nise fu detenuta, accusata di comunismo, fu amica di Jung e la più importante esponente della nuova psichiatria in Brasile.

Il regista Jorge Oliveira ci racconta: “Nise fu un personaggio rivoluzionario. Lei vedeva nel futuro. Era il futuro. Una donna che volle distruggere i luoghi comuni. La sua opera non ha fine. Ciò che la rese unica fu la piena umanità. Al centro della sua attenzione erano i diritti umani, i diritti della persona. E poi la grande intuizione di utilizzare l’arte, di unire arte e umanità nella terapia. Già quando avevo 20 anni sognavo di fare un film su di lei. Ma ho dovuto far passare altri 20 anni, per far maturare una cosa che sentivo in modo troppo forte. Solo ora i tempi erano maturi”.

 

MIGLIOR REGIA

Encantados, di Tizuka Yamasaki (Brasile, 2014)

VERDETTO Per l’armonia di tutti gli elementi complessi che compongono questopera: natura, mitologia, fotografia, suono e musica che danno vita alla costruzione dello spirito mitologico.

IL FILM Con la sua bellezza e forza primordiali, Zeneida si trasforma quando la sfidano, quando non ha risposte pronte o quando non riesce a spiegarsi. Ma Zeneida vuole solo sopravvivere, lì, nell’isola di Marajó, nella quale incontra il suo primo grande amore, Antonio. Fugge insieme a lui nelle profondità del bosco. Zeneida si dirige verso i suoi antenati, verso la stirpe degli sciamani che vivono nella natura dell’anima.


 

SEZIONE CONTEMPORANEA

 

Giuria

Presidente della Giuria: Francisco Gedda, regista italo-cileno
Patricia Ynestroza (giornalista, originaria dell’Honduras), Niccolò Coscia (giovane cinefilo, studente di Lingue).

 

MIGLIOR FILM

La parte por el todo, di Roberto Persano, Gato Martínez Cantó, Santiago Nacif Cabrera (Argentina, 2015)

VERDETTO Sebbene il tema sia largamente conosciuto in America Latina, questo film riesce a guidare anche chi non conosce tale realtà. Il soggetto è trattato in maniera cruenta senza disturbare lo spettatore, poiché reso con grande finezza e umanità. Il film si distacca dalla violenza con la quale generalmente si rappresenta il dolore, trasmettendo un messaggio di grande speranza verso un futuro migliore, cercando con tutte le sue forze che non siano ripetute queste atrocità, e risaltando la memoria storica.

IL FILM Durante l’ultima dittatura militare argentina, le Forze Armate portarono avanti un piano sistematico di appropriazione di minori, il cui punto più sinistro fu la gestione delle maternità all’interno dei centri clandestini di detenzione. Il film si presenta come un viaggio verso la verità che cerca “di far luce sui luoghi nei quali si è dato alla luce”. Attraverso tre storie di nipoti restituiti, si vedrà “la parte per il tutto”: come si orchestrò un genocidio che portò a pianificare la sottrazione dell’identità dei bambini nati in cattività, figli di donne sequestrate e detenute illegalmente.

 

MENZIONE SPECIALE

Lumi Videla di Paz Ahumada Muñoz (Cile, 2015)

VERDETTO In soli 30 minuti la regista è riuscita a lanciare il grido aspro e imperfetto, ma intenso e straziante del fratello, della cugina e del figlio di Lumi Videla con il quale esprimono uno dei dolori simbolo dell'America Latina, riuscendo a catturare il pubblico anche con tecniche e materiali di lavoro rudimentali.

IL FILM Lumi Videla, dirigente del MIR cileno, fu torturata, assassinata e gettata nuda nei giardini dell’Ambasciata italiana durante la dittatura di Pinochet. Era un potente messaggio della DINA alla missione diplomatica dove cileni perseguitati dalla dittatura trovavano asilo. La stampa (di regime) dell’epoca descrisse l’avvenimento come un litigio per gelosie durante un’orgia tra rifugiati.

Un documentario che è memoria e sensibilità.

Paz Ahumada Muñoz, giovanissima regista del film, racconta:

“In Cile la vicenda di Lumi Videla fa parte della memoria collettiva. Eppure su di lei non c’era nulla di scritto o filmato. Niente che “fissasse” la sua storia. Ho cominciato a fare ricerche e per raccogliere informazioni, che non si trovavano, ho incontrato la sua famiglia. Suo figlio, in particolare. Dal momento che anche suo marito era stato catturato dal regime e ad oggi risulta desaparecido”.

Cosa ha voluto mostrare in particolare di questa donna coraggiosa e ribelle?

“Ho voluto raccontarla. Parlare della sua vita, dei suoi amori, della sua immensa vitalità nell’essere donna, madre e moglie. Ma al tempo stesso studente di filosofia e militante per la giustizia sociale e la libertà”.

 

____________________________________

 

PREMIO DEL PUBBLICO

Olhar de Nise (Lo sguardo di Nise)
di Jorge Oliveira (Brasile, 2015)

Ogni spettatore ha un voto (da 1 a 5) ai film visionati tramite una scheda deposta in un’urna all’entrata della sala proiezioni

 

___________________________________________________

 

PREMIO NUOVI TALENTI

Un novità di questa edizione 2016. Viene assegnato dalla Direzione del Festival al film e al regista valutati come interessanti nuove scoperte emerse nel lavoro di ricerca e selezione del Festival.

Alma

di Diego Rougier (Cile - Argentina 2015)

 

___________________________________________________

 

PREMIO MALVINAS

Assegnato dalla Giuria formata dagli studenti di spagnolo del Liceo Marco Belli di Portogruaro

Soldado argentino sólo conocido por Dios
di Rodrigo Fernández Engler (Argentina, 2016)

Perché sottolinea l’inutilità della guerra come strumento di risoluzione dei contrasti, evidenziando le conseguenze di un conflitto armato sulle vite dei reduci e delle loro famiglie. Inoltre, evidenzia l’importanza dei valori del rispetto e della comprensione reciproci.

 

MENZIONE SPECIALE

Carta a una sombra
di Daniela Abad e Miguel Salazar (Colombia, 2015)

Perché attraverso le parole di suo figlio ed i ricordi dei familiari, si è riusciti a creare il ritratto di un uomo che fu assassinato per difendere i diritti e i valori della sua gente e del suo paese.

 

__________________________________________________________

 

PREMIO MUNDO LATINO

Assegnato dalla Giuria formata dagli studenti del Collegio del Mondo Unito di Duino

Un secreto en la caja
di Javier Izquierdo (Ecuador 2016)

Per il modo in cui, attraverso il finto documentario, ritrae diverse problematiche latinoamericane come la realtà dell’esilio, l’identità, la presenza della censura, i conflitti bellici e politici e le carenze educative come conseguenza della scarsa importanza assegnata alla lettura.

 

_________________________________________________________

 

PREMIO MIGLIOR COLONNA SONORA

Assegnato da un Giuria di esperti presieduta da Silvio Donati, musicista e compositore

Dauna. Lo que lleva el rio
di Mario Crespo (Venezuela 2015)

Se la musica  etnica è alla base della cultura di un popolo, ecco che ben si addice il premio per la migliore colonna sonora al film Dauna  in cui Alonso  Toro riprende i temi popolari e li arrangia in chiave  jazzistica. Si tratta di un intreccio tra tradizione e modernità che scandisce in modo significativo la vita della protagonista.

 

_______________________________________________________

 

PREMIO ARCOIRIS

assegnato dalla Giuria Arci Servizio Civile FVG

 

Retratos de identificação
di Anita Leandro (Brasile 2014)

Il documentario riesce a raccontare una tragedia collettiva attraverso un dramma personale, senza cedere al sensazionalismo o alla retorica. La struttura romanzesca e l'alternanza di interviste e narrazione scritta, insieme alla scenografia semplice e pulita e all'utilizzo di documenti audiovisivi e fotografici originali, conducono lo spettatore nell'epoca della dittatura brasiliana, affrontando i temi della tortura e della lotta politica. Il film lascia in chi lo guarda la sensazione di poter riscattare il dolore e l'ingiustizia attraverso la conoscenza e la lotta.

 

______________________________________________

Tra i premiati, due i registi presenti che hanno personalmente ritirato i riconoscimenti. Gli altri registi hanno inviato dichiarazioni o video messaggi che sono stati proiettati durante la Cerimonia.